Release Date: 27/01/13
Artisti:

Nella immensa produzione discografica che documenta il nuovo jazz italiano questo CD di Matteo Muntoni si distingue fortemente per originalità e progettualità.

Non solo perché si lascia portare per mano dall’immensa opera del Caravaggio che ne diventa l’elemento suggeritore, ma perché è depositario di un pensiero architettonico diverso che lo pone in un luogo indefinito della musica.

Caravaggio è un lavoro originale, progettuale e soprattutto coraggioso.

La dicotomia luce-ombra elaborata dal grande pittore si trasforma in un suono che è volutamente nascosto, a volte scuro e a volte chiaro, e che prende forma attraverso una complessa costruzione compositiva e strumentale.

La tavolozza timbrica di Caravaggio è un inusuale combine tra la musica colta, il jazz e la musica tradizionale. Tradizionale è il principio costruttivo interno, colto è l’approccio compositivo e jazz invece la cifra espressiva del basso (acustico e elettrico), delle ance, della chitarra e della batteria e percussioni.

E' evidente che si tratta di un'opera vera, intesa come un libro scritto e assemblato da vari capitoli che sono parte di un complesso racconto traslato dalla musica e dai suoni che celano nel proprio Dna acustico l'urgenza di trovare relazioni e rapporti con i segni e i colori dell'arte pittorica.

Il coraggio sta dunque nella sua cromaticità. Se la dicotomia luce-ombra suggerisce una dualità visiva è l’amplificazione della stessa che esplica in modo inequivocabile la voglia di insicurezza e di precarietà che sono, nella loro accezione positiva, gli aspetti fondamentali di questo riuscito lavoro discografico.

Alla fine Caravaggio ‘è’ un’opera di jazz. Per affinità dialettiche, per i suoi intenti che travalicano gli stili e le epoche ma soprattutto perché non cerca certezze ma piuttosto vuoti e instabili contrasti. (Paolo Fresu)

 

 Matteo Muntoni “Caravaggio” – Improvvisatore Involontario 2013

 

The album was done in one session at the studio Artesuono in Cavalicco (Udine), Stefano Amerio (Jazzit Awards 2012 1st place category Engineers and 1st place category Recording Studios) took part: Francesco Ganassin; Andrea Ruggeri; Elia Casu and Enrico Cocco.

 

The album is entirely to the figure of Michelangelo Merisi, called “Caravaggio” is a project in which the composition of music is strongly inspired by the visual art, from paintings but also by the figure of the painter Doom.

DOWNLOAD