Una circolare Enpals richiama l'imponibilità ai fini previdenziali della quota di compenso eccedente il 40%: “il compenso relativo alla cessione dello sfruttamento economico dell'opera è assoggettabile a contribuzione previdenziale indipendentemente dal fatto che sia scorporata dalla retribuzione. L'imponibilità opera nella misura che eccede il 40% della somma del compenso totale per retribuzione per cessione dello sfruttamento economico dell'opera”.
Questo avviene sia nel caso che il dovuto per il diritto d'autore sia scorporato dalla retribuzione per l'attività lavorativa sia nel caso sia indicato un solo compenso. Pertanto questo importo complessivo è soggetto a contribuzione nella misura del 60%.