Home | Jazz & Wine of Peace 2015, XVIII Edizione

Dalla leggenda del basso Stanley Clarke al sassofonista Kenny Garrett, dal trombettista Paolo Fresu allo straordinario batterista Jeff Ballard. Due pietre miliari del jazz, il sassofonista Charles Lloyd e la cantante Sheila Jordan. Jazz&Wine of Peace Festival, musica e degustazioni tra colline e vigneti, cantine vinicole e dimore storiche del Friuli Venezia Giulia e della vicina Slovenia.

 

18 ottobre – anteprima
19, 20, 21, 22, 23, 24, 25 ottobre

Cormòns e vari luoghi – Teatro Comunale, cantine vinicole, castelli, ville e abbazie del Friuli Venezia Giulia e della vicina Slovenia

A ottobre la colonna sonora del Collio la suonano i grandi nomi del jazz internazionale, con la XVIII edizione di Jazz & Wine of Peace, il festival che abbina musica di altissima qualità, luoghi da favola ed enogastronomia a cinque stelle.

La storica rassegna ideata dal Circolo culturale Controtempo, che si terrà dal 19 al 25 ottobre, richiamerà ancora una volta nella piccola e suggestiva cittadina di Cormòns alcuni tra i migliori musicisti jazz del panorama mondiale, che si esibiranno non solo a teatro ma anche nelle più rinomate cantine del Collio goriziano e in castelli, ville e abbazie del Friuli Venezia Giulia. Sconfinando anche in Slovenia, per ribadire il messaggio di pace e l’idea di un jazz senza confini che da sempre caratterizzano il festival.

 

Jazz & Wine of Peace Festival proporrà sei serate e tre giornate all’insegna del grande jazz contemporaneo, con concerti abbinati a degustazioni nelle cantine vinicole e un’anteprima, il 18 ottobre nella splendida Villa Manin di Passariano. Cartellone ricco ed eterogeneo per il festival di quest’anno, con proposte classiche e jazz d’avanguardia, in un intreccio di contaminazioni inedite pensate per soddisfare i gusti dei tanti appassionati di musica ed enogastronomia che sceglieranno di vivere un autunno jazz, immersi tra i colori e i sapori del Collio. Il Jazz & Wine di quest’anno sarà un festival davvero itinerante, che dal teatro di Cormòns, centro nevralgico della manifestazione, si allargherà portando la musica nelle migliori cantine e aziende vinicole del Collio e in alcune tra le più suggestive dimore storiche del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia, luoghi incantevoli come il Castello di Spessa, l’Abbazia di Rosazzo, Villa Manin, Vila Vipolže.

In calendario 15 concerti, distribuiti in 12 diverse location, con nomi da urlo per gli amanti del jazz internazionale: il celebre trombettista Paolo Fresu, che aprirà il festival con il suo Devil Quartet giovedì 22 ottobre alle 21 nella suggestiva Cantina Jermann di Ruttars (Dolegna del Collio, GO), una pietra miliare del jazz come il sassofonista Charles Lloyd, che con il suo New Quartet sarà venerdì 23 ottobre alle 21.30 al Teatro Comunale di Cormòns, lo straordinario batterista statunitense Jeff Ballard con il suo trio, in concerto sabato 24 ottobre alle 17, nella cornice di Vila Vipolže (Vipolže – SLO), la leggenda del basso Stanley Clarke, in concerto con la sua band nella stessa giornata, alle 21.30, al Teatro di Cormòns, e il sassofonista, a lungo al fianco di Miles Davis, Kenny Garrett, che chiuderà il festival in teatro, con un’esibizione in quintetto domenica 25 ottobre alle 20.30. Ci sarà il maestro della world music Riccardo Tesi, in concerto con la sua Banditaliana nello spettacolare scenario offerto dal Castello di Spessa, la cantante e pianista Laura Furci, che presenterà in anteprima assoluta il suo ultimo album alla Tenuta Villanova, il trio Netnakisum featuring Matthias Schriefl (Austria, Germania) all’Abbazia di Rosazzo, i Neighbours Cercle (Austria, Regno Unito) alla Tenuta di Angoris, il Trio Generations featuring Oliver Lake (Stati Uniti, Austria) al Kulturni Dom di Nova Gorica, i “Disorder At The Border” plays Ornette (Italia – Slovenia) all’Azienda Agricola Borgo San Daniele,  il duo Sheila Jordan – Cameron Brown (Stati Uniti) alla Tenuta Villanova, il progetto “Snowy Egret” di Myra Melford (Stati Uniti, Giappone) alla Cantina Renato Keber, il Mia Žnidari? Trio (Slovenia) al Kulturni Dom di Gorizia. E per l’intima anteprima del festival, in programma nelle sale di Villa Manin di Passariano, la musica del talentuoso fisarmonicista nizzardo Vincent Peirani.

Tutti i concerti saranno proposti live in teatro, nelle dimore storiche e in enoteche e cantine, con annesse degustazioni per testare le eccellenti tipicità del Collio italiano e sloveno, alla scoperta di vini pregiati e ottime pietanze. E sarà tutto da scoprire anche “Night&Day”, il programma di eventi collaterali legati al festival, con “Concerti aperitivo” e “Round Midnight” affidati a promettenti artisti locali, che accompagneranno con le loro note brindisi e degustazioni dal calar del sole fino a notte inoltrata. Ci saranno visite guidate alle dimore storiche in occasione dei concerti, degustazioni “Wine&Jazz” all’Enoteca di Cormòns, la presentazione in anteprima del romanzo del giornalista Matteo Femia “Minimo Comun Sax Tenore” e, per la prima volta, anche la possibilità di pranzare, dopo il concerto di Riccardo Tesi, all’Hosteria del Castello di Spessa, con due proposte di menù elaborate appositamente per il pubblico di Jazz&Wine of Peace.

Jazz&Wine sarà anche contaminazione artistica: al Teatro Comunale di Cormòns, in occasione dei tre concerti serali del festival, la musica si trasformerà in fotografia. Andranno infatti in scena i risultati del workshop “I dieci scatti”, organizzato dal fotografo jazz Luca D’Agostino in collaborazione con il Circolo Fotografico Friulano: gli spettatori ripercorreranno, attraverso le dieci migliori foto, le emozioni offerte dai concerti della giornata.

Jazz&Wine sarà, ancora, l’occasione per presentare, giovedì 22 ottobre al concerto del Paolo Fresu Devil Quartet, il terzo volume di JazzinFvg, frutto della collaborazione tra Circolo Controtempo, San Vito Jazz e Associazione Euritmica.

Ad accogliere gli affezionati della kermesse provenienti da tutt’Europa, che potranno usufruire anche di offerte turistiche ad hoc con i tre pacchetti Jazz&Wine Tour 2015, sarà il Teatro comunale di Cormòns, dove si svolgeranno gli spettacoli clou. La musica live sarà protagonista anche al Kulturni Dom di Nova Gorica e Gorizia e nelle antiche cantine, enoteche, locali, dimore storiche che ospiteranno i concerti. Un viaggio tra le note e i colori della musica jazz accompagnerà i fan del festival nei diversi momenti della giornata, accoppiandosi con sapori e spazi sempre diversi. Sarà un’abbinata perfetta tra jazz e vino, grazie alla preziosa collaborazione delle aziende appartenenti al circuito del Movimento Turismo del Vino e Strade del Vino Fvg e delle cantine Borgo San Daniele, Tenuta Villanova, Renato Keber, Jermann di Ruttars, Tenuta di Angoris, Vila Vipolže, Castello di Spessa, Livio Felluga.

L’edizione 2015 di “Jazz & Wine of Peace Festival” è realizzata da Controtempo grazie al sostegno del MiBACT, al patrocinio e al sostegno Comune di Cormòns – Assessorato alla Cultura, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Gorizia, Camera di Commercio di Gorizia, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Comune di Capriva del Friuli, Fondazione Abbazia di Rosazzo, Goethe-Institut Triest, Kulturni Dom di Gorizia,  Azienda Speciale Villa Manin, Kulturni Dom di Nova Gorica, Vila Vipolže e con il supporto del Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia, Strada del vino e sapori del goriziano, ZTKMŠ Brda, Pro Loco Capriva del Friuli, Enoteca di Cormòns, Associazione Cuormòns. Si rinnova inoltre per l’undicesimo anno consecutivo la collaborazione con RAI Radio 3, che dal 2005 allo scorso anno ha trasmesso nello spazio serale “Radio 3 Suite Jazz” oltre 30 concerti di Jazz & Wine of Peace.

E prosegue anche quest’anno il gemellaggio di Jazz & Wine of Peace Festival con alcuni tra i festival Jazz&Wine d’Italia di maggior rilievo: Zola Jazz&Wine (www.zolajazzwine.it), Montalcino Jazz&Wine (www.castelloban?.it), Vino&Jazz Marche (www.marchejazznetwork.it), Barolo Jazz Club. Per queste manifestazioni il gemellaggio rappresenta un’occasione per fare rete, confrontandosi con nuove realtà territoriali e produttive in un’ottica di arricchimento culturale. Jazz&Wine of Peace inoltre è parte dell’associazione I-Jazz, che riunisce i principali festival jazz d’Italia, e parte del marchio JAZZFVG, l’etichetta che connota la musica di qualità del Friuli Venezia Giulia.

Pubblicato: Lunedì, Febbraio 11, 2019 - 18:05